Portale tematico della commissione Pari Opportunità del Comune di Feltre - sitemap

Relazione Attività 2015

RELAZIONE ATTIVITA’ COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA'

2015

 

La Commissione Pari Opportunitàdel Comune di Feltre ha promossonell’anno 2015 una serie di iniziative di sensibilizzazione in conformità con quanto proposto nel programma presentato  e approvato dal consiglio comunale del 2015.

L'attività dell'anno appena trascorso è stata caratterizzata dall'impegno da parte della Commissione nell'implementare la c.d. rete “pari opportunità”, costituita dall'assessorato alle pari opportunità, in collaborazione con associazioni, professionisti, enti e laboratori di cittadinanza che nel territorio si occupano di tematiche di pari opportunità.

Grazie all'ampliamento del numero dei membri della commissione è stato possibile costruire maggiori iniziative e soprattutto consolidare ed allargare le collaborazioni avviate gli anni precedenti permettendo una sempre miglior qualità delle attività.

Infatti lavorare in rete con chi nel territorio già si occupa di Pari Opportunità, ha permesso alla CPO di avviare,  sia eventi di sensibilizzazione sia risposte concrete a bisogni che riguardano le pari opportunità.

Per quanto riguarda gli eventi abbiamo realizzato:

18 FEBBRAIO 2015 TEMA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

In collaborazione con l'amministrazione è stata inaugurata la Mostra delle testimoni silenziose: il progetto Testimoni silenziose nasce nel 1990 negli Stati Uniti con l'obiettivo di ricordare le donne uccise dai loro compagni, mariti, padri. Ideato da un gruppo di donne artiste e scrittrici, insieme ad alcune organizzazioni contro la violenza, il progetto consiste in una mostra itinerante di sagome di donne, chiamate appunto "testimoni silenziose": ogni sagoma ricorda una donna uccisa e porta sul petto il suo nome, l'età, da chi e quando è stata uccisa. La campagna, diffusasi a livello internazionale, si propone di sensibilizzare la collettività sul drammatico problema del femminicidio e della violenza di genere. L' impressionante serie dei profili muti delle donne uccise ne denuncia l'assenza: sebbene siano silenziose, le testimoni urlano allo spettatore la loro storia e lanciano un messaggio d'allarme alle istituzioni affinché adottino azioni concrete per proteggere le donne vittime di violenza familiare.

 All'inaugurazione erano presenti i Bizzarri Lettori che hanno accompagnato la riflessione sulla violenza di genere con letture di testi e poesie condivise con i membri della CPO ed è stata presentata la proiezione di un video realizzato dall'associazione StellaPolare  sulla lesbofobia, altra forma di violenza contro le donne.

La mostra è stata poi esposta presso il Centro Giovani di Feltre grazie alla collaborazione della CPO con il Centro.

8 MARZO 2015: GIORNATA PER LA FESTA DELLA DONNA

In questa giornata la proficua collaborazione con l'amministrazione ha permesso la realizzazione di molti eventi per ricordare la festa della Donna

Nella tarda mattinata è' stato realizzato il concerto della banda Città di Feltre con il coro femminile Francesco Sandi nel loggiato del comune.

L’Amministrazione comunale ha poi proposto una serie di appuntamenti anche nei Musei civici di Feltre. Dalle 15.00 alle 18.00 le donne hanno potuto accedere gratuitamente al Museo civico e alla Galleria d’arte moderna “Carlo Rizzarda”. L’Associazione Fenice arte cultura turismo onlus ha accompagnato i visitatori in due percorsi al femminile: la visita con la guida dei membri del sodalizio feltrino, ha permesso di soffermarsi, da un’inedita prospettiva, su una rosa ristretta di opere incentrate sul tema muliebre, scoprendo le storie di sante, eroine bibliche e mitologiche. Alle 16.00 è stato possibile percorrere l’universo femminile nei capolavori della Galleria Rizzarda: dalle sensuali maioliche Liberty di Enrico Mazzolani alle Danzatrici di Massimo Campigli. Infine, alle 17.00, sempre nella Galleria Rizzarda, lo storico Matteo Melchiorre ha tenuto una conversazione sul tema Le donne di fronte alla legge: briciole dagli antichi Statuti di Feltre (XIV sec.).

Infine nella serata è stato dato il  patrocinio al gruppo teatrale Bretelle Lasche per lo spettacolo i Monologhi della vagina, tenutosi presso il Bandalarga.

27 marzo 2015

La commissione ha dato patrocinio a Rossolimone per aperitivo contraccettivo dedicato alla prevenzione. L'iniziativa è stata realizzata presso il Bandalarga di Feltre.

17 maggio  2015  Giornata Internazionale contro l’Omotransfobia

Domenica 17 maggio a Feltre si è dato il via  alla prima edizione della Biblioteca Vivente. L’iniziativa è stata promossa dalla Commissione per le Pari opportunità del Comune di Feltre, La Stella polare, Rovesci e diritti e si è tenuta  presso il loggiato del Comune di Feltre, in Piazza Maggiore dalle ore 15.00 alle ore 19.00.

L’idea è nata nel 2000, lanciata dall’Associazione danese “Stop alla Violenza” e ripresa dal Consiglio d’Europa durante campagna “Tutti uguali e tutti diversi” contro le discriminazione.
“La Biblioteca Vivente è un nuovo modo di vivere i libri. Ma soprattutto è un metodo innovativo, semplice e concreto per promuovere il dialogo, ridurre i pregiudizi, rompere gli stereotipi e favorire la comprensione tra persone di diversa età, sesso, stili di vita e background culturale”.
L’iniziativa ha avuto un enorme successo, e dal 2003 è stata riconosciuta dal Consiglio d’Europa come buona prassi, e come tale incoraggiata. Da allora è stata esportata in tutto il mondo con grande successo.
Un libro nella Biblioteca Vivente è una persona, disposta a “far girare le pagine della propria vita”, a narrare la sua esperienza di vita vissuta, a condividere, disposta a rispondere alle domande del lettore-pubblico. La biblioteca vivente si presenta come una vera biblioteca, con i bibliotecari e un catalogo di titoli da cui scegliere, la differenza sta nel fatto che per leggere i libri non bisogna sfogliare le pagine ma … parlarci, perché i libri sono persone in carne ed ossa! Questi “libri viventi” vengono “presi in prestito” per la conversazione: ogni lettore sceglie il suo libro.
Gli obiettivi di questa iniziativa sono:
informare e sensibilizzare sulle tematiche connesse alle identità multiple, agli stereotipi e pregiudizi, alle discriminazioni;
educare alla realtà interculturale, promuovendo una convivenza basata sulla conoscenza ed il rispetto delle diversità;
presentare e far vivere la diversità come un valore aggiunto ed un arricchimento della comunità locale”.
Le associazioni Stella Polare e Rovesci e Diritti fanno presente che i libri viventi sono persone consapevoli di appartenere a minoranze soggette a stereotipi e pregiudizi. Desiderosi di scardinarli, essi si rendono disponibili a discutere le proprie esperienze e i propri valori con altri.
La biblioteca vivente offre ai lettori l’opportunità di entrare in contatto con persone con cui difficilmente avrebbero occasione di confrontarsi. L’incontro rende concreta ed unica la persona che si ha davanti, che smette quindi di essere percepita come rappresentante di una categoria sulla base di una generalizzazione, ma viene riconosciuta nella sua unicità, una persona che non rappresenta nessuno se non la propria esperienza e storia.

L’iniziativa è terminata  al Banda Larga con un aperitivo dedicato ai temi del benessere sessuale e alle tematiche LGBT con “Rosso limone”: a partire da un gioco a quiz che ha sottolineato l’importanza dell’amore ed il rispetto per sé stessi come punto di partenza per accogliere le differenze. La serata è  finita affrontando  il tema della prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.

27 maggio 2015   patrocinio al Reading teatrale musicale

Alla  memoria non basta  un giorno,  Spettacolo sulla Shoah con la Casa Cantoniera

presso il Bandalarga.

Reading teatrale   e musicale, sui temi dell'antifascismo e della Shoah, tratto da un breve testo teatrale di Stefania Pillon,   pubblicato da Edizioni Progetto Cultura.

Spettacolo itinerante che viene proposto il 27 di ogni mese allo scopo  di non vincolare la memoria ad una singola e isolata celebrazione ma riproporla nel tempo.

6 giugno 2015  Immigrazione e Razzismo:

E' stato realizzato,  grazie ad un grande lavoro del membro della CPO,  Flavia Monego, un evento che ha visto coinvolti i laboratori di cittadinanza del sociale e delle pari opportunità e il Coordinamento Provinciale rete immigrazione:

un percorso di letture e poesie con i Bizzarri Lettori sulla tematica del razzismo, interventi di tutte le comunità  presenti , stand espositivi di AIDO , SAMARCANDA , ASSOCIAZIONE UN PASSO VERSO LA SPERANZA , concerto della  MUSICA NON HA CONFINE e AFRICAN PATRIOT  , l’evento si è concluso con un  rinfresco multietnico all’interno dello sportello pari opportunità

27 settembre 2015  evento “Oltre lo specchio”  presso Unisonojazz restaurant & cafe

Riflessioni non convenzionali sulla bellezza 

Questo evento è nato su sollecitazione di Simona Zanella, una donna non vedente che ha espresso la volontà di affrontare il tema della bellezza e del diritto di ognuno di sentirsi bello anche parlando di disagio ed anche quando le condizioni fisiche non ci permettono  di rispondere a canoni di bellezza socialmente e culturalmente imposti.

Nella splendida cornice della sala di mezzo dell'Unisono adibita a Atelier di bellezza, assieme a

professioniste nel campo della psicologia, della moda, della cura della persona e della fotografia, si è discusso del Bello e del diritto di ognuno di sentirsi tale durante un aperitivo pensante, con

dimostrazioni live sul concetto di estetica, accompagnato dalle musiche di Dj Set di Bebo.

Una serata divertente e leggera nelle realizzazione, non certo nei contenuti, che ha permesso di iniziare una riflessione sull'importanza di sconfiggere la paura di chi è diverso da noi e sul diritto di chi è diverso,  di essere incluso nella società.

11 OTTOBRE 2015 I anniversario Pari Opportunità. In collaborazione con l'amministrazione, a un anno dall'apertura dello Sportello pari opportunità è stata realizzato un incontro per fare un primo bilancio di attività e dare ulteriore slancio alle iniziative sviluppando ulteriori sinergie in collaborazione con Belluno Donna, unico centro antiviolenza accreditato della Provincia di Belluno. Aperta la sede al pubblico, sono state ricordate le iniziative svolte nel corso dell'anno ed è stato organizzato un rinfresco per promuovere e far conoscere l'attività dello sportello pari opportunità: questo importante progetto vede l'impegno di donne volontarie che assieme ad alcuni membri della CPO tengono aggiornate la rete di collaborazione e garantiscono le aperture ogni primo e terzo sabato del mese

INIZIATIVE PER LA GIORNATA INTERNAZIONALE  CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE:

Domenica 25 ottobre alle ore 18.00 al Teatro de la Sena il gruppo teatrale “Las palabras mujeres” ha presentato il dramma di Federico Garcia Lorca"La casa di Bernarda Alba" testo fondamentale del teatro contemporaneo spagnolo. E' un soggetto di forte impegno sociale sul fronte della condizione delle donne e un'acuta analisi psicologica sulla condizione femminile all'interno della famiglia e della società. L'intera vicenda si svolge all'interno della casa di Bernarda Alba, madre padrona e tirannica, che decide e manovra le vite di tutte le altre abitanti, le sue 5 figlie e due serve. La casa diventa qui non già luogo che protegge ed accoglie, ma che imprigiona e nasconde, e sappiamo che la maggior parte dei soprusi sulle donne si svolge tra le mura domestiche. Il dramma, interpretato da sole donne, benché scritto nel 1936, è di impressionante attualità , soprattutto in relazione ai molti casi di femminicidio ai quali si assiste quotidianamente, impotenti e spesso disinteressati ed è una riflessione fortissima sulla disistima che alcune donne, per prime, hanno di loro stesse.
In questa chiave la compagnia ha scelto di adattarne la drammaturgia, per esprimere meglio l'idea che la fine della serie che pare infinita di omicidi passa prima di tutto attraverso una maturazione personale delle donne: " Siamo consapevoli che la scelta di uno spettacolo così impegnato e impegnativo sia cosa inusuale tra le compagnie amatoriali, tuttavia lo riteniamo un percorso di maturazione personale e artistica e un modo concreto per fare qualcosa per questo dramma sociale che sta diventando il femminicidio .

A seguire aperitivo con le attrici per riflettere sul tema della violenza presso sportello pari opportunità

25 NOVEMBRE 2015  IN COLLABORAZIONE CON BELLUNO DONNA E CENTRO GIOVANI :

La città di Feltre, che tradizionalmente ha illuminato la torre del Castello Alboino, divenuta simbolo della promozione della cultura del rispetto della Persona contro ogni forma di violenza ha realizzato una serie di iniziative a tema: 

CONFERENZA SU ESITO QUESTIONARI SOMMINISTRATI ALLE SCUOLE SUPERIORI. Nel corso del 21015 si è realizzato un lavoro di prevenzione nelle scuole secondarie di secondo grado per quanto riguarda la violenza di genere. Tale lavoro vede la messa in rete della Commissione pari opportunità, del centro giovani del comune di Feltre, dei servizi ULSS che si occupano di prevenzione nelle scuole ( Seps e consultorio) dell'associazione Belluno donna.

L'esito di tale indagine è stato presentato presso l'Aula Magna del Campus Universitario “Tina Merlin”, mercoledì 25 novembre (giornata internazionale contro la violenza alle donne), alle ore 20.30. Francesca Quaglia, responsabile del Centro Antiviolenza Belluno-Donna, ha presentato i risultati della ricerca “Young 2 Younger: una ricerca nelle scuole” condotta in alcune scuole della provincia di Belluno. A seguire, c'è stato un incontro sul tema “Violenza ai minori: prevenzione e riparazione“, in cui sono intervenuti, fra l'altro, Laura Bortot e Francesca Pallotta dell'Associazione Dafne.

Contemporaneamente DAL 21 AL 28 NOVEMBRE presso il CENTRO GIOVANI. è stata allestita presso il centro giovani una famosa mostra itinerante dell'artista, illustratrice Stefania Spano, in arte Arnakikka, SULLA VIOLENZA ASSISTITA

Il progetto illustrato sulla violenza assistita, è composto di15 tavole che raccontano una violenza sottovalutata e di cui si parla poco, che provoca nei minori disturbi gravissimi, a livello emotivo, cognitivo, fisico e relazionale, e che solo in Italia coinvolge 400.000 bambini.

La violenza assistita è quella violenza domestica che consiste nel sottoporre un minore alla violenza verbale, fisica, sessuale di un genitore sull'altro e/o su persone a cui vuole bene.

Quando la violenza è ripetuta, compromette seriamente il benessere, lo sviluppo individuale e la capacità di interagire in modo funzionale a livello sociale, di un minore.

E' causa di forti disagi come stress, depressione, difficoltà scolastiche, ridotte capacità empatiche, bassa autostima, svalutazione di sé, e nel lungo periodo, può aumentare il rischio della riproducibilità, ossia di sviluppare comportamenti violenti in età adulta, assumendo la violenza come strumento relazionale, soprattutto nei rapporti di coppia.

25 NOVEMBRE  PATROCINIO ED INTERVENTO DELLA CPO AI MERCOLEDI DELLA SALUTEalla conferenza Violenza sulle donne : il ruolo della prevenzione

4 DICEMBRE 2015 Giornata Mondiale sull'HIV - Amore e Prevenzione presso il LETTHERARIUM a Belluno

Evento organizzato da Associazione Stella Polare in collaborazione con ROSSO LIMONE e patrocinio Commissione Pari Opportunità Comune di Feltre.

13 DICEMBRE 2015 PATROCINIO a “VA’  DI MODA IL NOVECENTO”

"Va di moda il 900". Si tratta di una sfilata di moda, con oltre 60 modelli, che percorre la storia del costume del secolo scorso, partendo dagli abiti con strascico e ombrellino fino ai tailleurs da donna manager del 2000. E' un percorso culturale, reso possibile dai prestiti di circa 50 donne, attraverso il cambiamento sociale ed estetico  della figura femminile: il passaggio tra le varie mode viene spiegato, così come è accompagnato dal racconto dei principali eventi del 900.

E' un'operazione che coinvolge in vari ruoli quasi un centinaio di donne del territorio, senza limiti di età e di taglia, convinte come siamo che la bellezza muliebre non sia il canone estetico taglia 40 che ci viene proposto ovunque, ma una condizione personale che viene da dentro. Le modelle, tra i tredici e i sessanta anni, hanno taglie, vissuti, sorrisi diversi e sono tutte bellissime.